Glee

Glee-serie-tv-

Prima di iniziare a parlare di questa serie tv, vorrei premettere che è il mio telefilm preferito in assoluto, e mi ha dato moltissimo, quindi potrei essere di parte in certi punti. Ma cercherò comunque di essere il più obiettiva possibile.

Glee è una serie tv andata in onda dal 2009 al 2015 composta da 6 stagioni e 121 episodi totali, prodotta da Ryan Murphy (Nip/Tuck, American Horror Story, American Crime Story, Scream Queens).

La serie racconta le vicende di un gruppo di ragazzi che fanno parte del glee club (una specie di coro in cui si balla anche) della loro scuola. Nonostante la trama apparentemente semplice, vengono affrontate molte tematiche importanti nell’età adolescenziale: bullismo, in quanto al club è ostile quasi tutta la scuola; disabilità, attraverso il personaggio di Artie, che si trova costretto ad una sedia a rotelle; omofobia, attraverso tutta la vicenda di Kurt, il ragazzo apertamente gay, e successivamente il suo ragazzo, oltre a Santana, una cheerleader che si scopre lesbica e innamorata della sua migliore amica; gravidanze adolescenziali, con la vicenda di Quinn, la capo cheerleader che si ritrova incinta a 16 anni e che viene cacciata di casa per questo e disordini alimentari, con il personaggio di Marley che si ritrova a dover affrontare il problema della bulimia. Oltre a ciò la serie tv si fonda sul messaggio di ‘accettare sè stessi’, con tutti i difetti, le problematiche, e il carattere che abbiamo. Credo sia un messaggio forte soprattutto in un età come quella adolescenziale. Inoltre viene rappresentato come, nonostante i personaggi così diversi fra di loro, il glee club sia una vera e propria famiglia, in cui si litiga, a volte ci si odia, ma ci si vuole anche bene e si è sempre presenti per gli altri, come sostegno, consulto o appoggio in momenti di difficoltà.

Ma l’elemento più importante della serie tv, quello per cui sicuramente è più nota, è la musica. Sono state interpretate circa 752 canzoni, sia cover che originali. Si spazia dal classic rock ai musical, passando per la musica contemporanea e il pop. Sono stati fatti numerosi episodi tributo a leggende della musica: Beatles, Madonna, Billy Joel, Whitney Huston, Michael Jackson. Gli attori che recitano nel telefilm hanno tutti eccellenti capacità vocali, e rendono giustizia agli interpreti originali. Per fare un esempio: due delle attrici che recitano dalla prima stagione, Lea Michele e Jenna Ushkowitz, hanno fatto parte di musical a Broadway sin da bambine; Matthew Morrison, che interpreta il professor Shuester, era stato nominato ai Tony; Heather Morris, una delle cheerleader che si uniscono al club, prima di glee era stata una ballerina di Beyoncè nei suoi tour; Jane Lynch, che interpreta la ‘cattiva’ della storia, la temibile Sue Sylevester, era un’attrice famosa ben prima di glee. Molti degli interpreti che hanno recitato in glee hanno poi avuto una carriera prestigiosa: Dianna Agron, che ha interpretato Quinn, la cheerleader incinta, ha poi recitato in Cose nostre-Malavita, a fianco di attori del calibro di Robert De Niro e Michelle Pfeiffer, o in Burlesque, con Cher e Christina Aguilera; un’altra carriera notevole è quella di Darren Criss, che nel telefilm era Blaine, il fidanzato di Kurt, e che parallelamente a glee ha recitato in ben due musical di Broadway,  How to Succeed in Business Without Really Trying e Hedwig and the angry inch, oltre ad aver recitato nel film Imogene, a fianco di Kristin Wiig.

Da non dimenticare le guest stars che sono venute nella serie tv: Whoopi Goldberg, Kristin Chenoweth, Idina Menzel, Neil Patrick Harris, Matt Boomer, Sarah Jessica Parker, Kate Hudson, Shirley McLaine, Olivia Newton-John, Jonathan Groff, Gwyneth Paltrow, Demi Lovato, Adam Lambert.

C’è da dire che non è tutto oro quello che luccica: nel 2013 Cory Monteith, che nella serie tv interpretava il protagonista Finn, è venuto a mancare a 31 anni a causa di una overdose di droghe. E’ stato un brutto colpo per tutto il cast e i fans, ma si è comunque deciso di proseguire la serie tv, che purtroppo nelle ultime stagioni ha avuto un calo, dovuto soprattutto alle storyline mal sviluppate. Nonostante alcune puntate molto belle e molte storyline appassionanti, ci sono stati dei grandi scivoloni, che hanno un po’ intaccato la bellezza originale della serie.

Vi consiglio comunque di guardare questa serie tv, merita moltissimo.

Prima di salutarvi, vi lascio i video di tre delle performance più significative.

Annunci

5 pensieri riguardo “Glee

  1. Ri eccomi. Sono sempre io Marta.
    Inizio con lo sclerare con “I lived”!!! No, per favore uccidimi e fai prima!
    Al dilá dello sclero iniziale devo davvero farti i miei più sentiti complimenti. Hai dato un quadro generale di glee sintetico ma efficacie. Hai detto tutto. È bellissimo come hai descritto tutti gli alti e bassi (omettendo i fatti i Mark). Sono davvero ammirata.
    Un bacio!

    Mi piace

    1. Ovviamente i gusti son gusti! Personalmente è quella a cui sono legata, per molti motivi che non sto qui a spiegare, ma so che non può piacere a tutti 😉
      Purtroppo, per quanto le conosca tutte e tre, non ho mai visto le serie tv da te citate, anche se so che Grey’s Anatomy e Mad Max sono seguitissime 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...