Il magico mondo dei fandom

images (48)

Nella maggior parte degli articoli che ho scritto finora, ho citato la parola “fandom“. Dato che il significato può non essere preciso per tutti, vorrei spiegarlo.

La parola fandom deriva dall’unione di due parole inglesi, fan (da fanatic, appassionato) e il suffisso -dom, lo stesso che si utilizza in termini come kingdom e dukedom (regno e ducato). Intende perciò il mondo dei fan. Si può essere fan di qualsiasi cosa: serie tv, film, libri, videogiochi, cartoni animati, anime, manga e opere teatrali sono generalmente gli oggetti dei fandom.

Si inizia a parlare di fandom negli anni trenta, attraverso le prime riviste create dagli appassionati di fantascienza. Il fenomeno si è diffuso con l’avvento di Internet, che ha permesso un maggiore contatto e sviluppo tra i vari fans.

I fans solitamente esprimono la loro passione per l’opera di loro interesse attraverso disegni (fanart), fan site (siti web creati ad hoc), gruppi nei vari social network, cosplay (travestirsi da una determinato personaggio).

Una menzione speciale va fatta alle fanfiction, ovvero delle opere, di uno o più capitoli,  scritte dai fan (soprannominati fanwriter) che riprendono o si ispirano a storie o personaggi  di un’opera già esistente; ma possono anche inventarsi storie con persone reali. Gli esempi più remoti di fanfiction risalgono all’epoca in cui alcuni ammiratori dei libri di Sherlock Holmes scrissero dei racconti ispirati all’opera di Doyle, o negli anni ’70 con le prime fanfiction ispirate a Star Trek. Ma il fenomeno si è strettamente legato alla nascita del fandom.

La fanfiction ricalca diversi generi. Tra i più comuni abbiamo l’angst (quando nella storia dominano angoscia o rabbia), il fluff (relativo soprattutto alla dolcezza in senso romantico o affettivo), lo smut (quando vengono descritte scene spinte, anche in modo analitico), il canon (quando cioè le vicende narrate non si discostano dalla storia originale), OOC (quando i personaggi risultano in parte differenti da quelli originali), AU (quando l’ambientazione, spaziale o temporale che sia, è diversa da quella della storia originale)e Crossover (quando due diverse opere vengono intrecciate).

Una specifica definizione va fatta per le coppie, che nel fandom sono conosciue come ship (da relationship, relazione). Prima di tutto si distinguono in canon e fanon. Le coppie canon sono quelle che già sono tali nell’opera originale (ad esempio Ron ed Hermione di Harry Potter, o Sheldon e Amy di The big bang theory). Le coppie fanon, invece, sono quelle coppie che nell’opera originale non sono assolutamente reali, ma che lo sono per i fan (gli esempi più famosi sono Emma e Regina di Once upon a time, o Sam e Dean di Supernatural, o ancora i due attori Darren Criss e Chris Colfer).

Un’ulteriore distinzione va fatta per i componenti della coppia: in caso di coppia formata da maschio e femmina si parla di ship het (ad esempio Rachel e Finn da Glee, o Emma e Hook da Once upon a time); quando la coppia è formata da due maschi si parla di ship slash (come nel caso di Kurt e Blaine da Glee, o Brian e Justin da Queer as folk); nel caso in cui la coppia è formata da due femmine, si parla di femslash (come con Brittany e Santana da Glee o Max e Caroline da 2 broke girls).

C’è da specificare che tutte le opere dei fandom, in particolare le fanfiction, sono assolutamente prive di lucro, perché altrimenti si violerebbe il copyright. C’è da dire però, che molti fanwriters sono riusciti ad avere successo con i loro scritti, tanto da, dopo aver modificato nomi e ambientazioni, aver reso le loro fanfiction libri.

Vorrei solo dire che il fandom, oltre a tutto ciò, è anche un modo splendido per condividere con altre persone, che magari abitano dall’altra parte del Paese, la propria passione, e non è così strano riuscire anche a creare legami forti e belle amicizie, pur non essendosi mai visti di persona, anche se non mancano gli scontri, soprattutto per problemi di ship (le cosiddette shipwar).

Chiudo qui la mia panoramica sui fandom, sperando di essere riuscita ad essere chiara e precisa.

Gaia

Annunci

3 pensieri riguardo “Il magico mondo dei fandom

  1. Ciao Gaia!
    Trovo molto bello il tuo articolo, spieghi con chiarezza il magico e misterioso mondo dei fandom. Trovo molto bello tutto l’excursus storico e l’etimologia della parola.
    Brava! 😀

    Marta

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...