Questa storia partecipa alla sfida A box full of prompt indetta dal gruppo facebook EFP famiglia: recensioni, discussioni e consigli. Il prompt assegnatomi è I know love exist only because you exist, nel fandom del telefilm New girl.

 

 

Fall in love with you… again

 

Il vero amore non è facile, ma vale la pena di lottare per ottenerlo. Perché una volta che l’hai trovato, non potrà mai essere rimpiazzato.
(Once upon a time)

Jess non poteva crederci: era di nuovo innamorata di Nick. O meglio, non aveva mai smesso di esserlo. Aveva cercato di negare i suoi sentimenti: per tutto il periodo in cui Nick era a New Orleans con Reagan si era tenuta impegnata con mille attività, ma non aveva funzionato a nulla. Nel momento in cui il suo sguardo si era incrociato con quello di Nick, tutto era venuto fuori. I suoi sentimenti erano emersi all’improvviso, ed era stata incapace di contenerli. Ed era scappata. Doveva ringraziare la presenza di Cece e Schimdt, che l’avevano coperta tramite uno dei suoi ennesimi escamotage imbarazzanti. Le dispiaceva mettersi in mezzo alla felicità dei due neosposini, ma egoisticamente ringraziava di avere degli amici meravigliosi come loro. Aveva davvero bisogno della loro presenza.
Ma forse, e negava ad ammetterlo, aveva più bisogno del suo migliore amico, Nick. Ma non poteva stare con lui, non poteva permetterselo. Era felice che l’amico avesse una bella relazione con Reagan, ma si era resa conto, forse troppo tardi, che voleva essere al posto della ragazza.
Perchè per lei Nick non era solo il suo migliore amico, era il suo tutto. Era il suo confidente, la sua spalla nelle pazzie, e soprattutto l’amore della sua vita.
Forse era frutto del suo infinito spirito romantico (aveva pure mandato il suo ex – allora ragazzo – nelle braccia di un’altra donna, pur di coronare il loro sogno d’amore), ma Jess sapeva che Nick era quello giusto per lui. Aveva avuto molte relazioni, ma nessuna le era parsa più vera e sincera di quella avuta con Nick. Con lui era così semplice ridere, godersi la presenza reciproca, ed essere sé stessa, senza maschere. Con lui poteva permettersi di comportarsi un po’ da folle (perché in cuor suo Jess sapeva di esserlo), senza aver paura di essere giudicata, perché Nick la seguiva nei suoi momenti di pazzia. Ma sapeva anche farla ragionare, come del resto lei. Era stata proprio lei, infatti, a spingerlo a seguire Reagan a New Orleans, andando contro i suoi stessi sentimenti. Sapeva che, amandolo, la prima cosa era permettergli di inseguire la sua felicità. Sperava di aver fatto la scelta giusta. Era sempre stato così fra di loro: sapeva che quando si erano conosciuti Nick era attratto da lei, ma non le aveva mai impedito di essere felice con qualcun altro (anche se alla fine non ce l’aveva fatta e aveva ceduto). Ora era il suo turno.
Jess non poteva però negare di sperare che in Nick albergassero ancora dei sentimenti per lei. In fondo l’aveva amata, e nonostante tutto ci erano sempre rimasti l’uno per l’altra. Lei era sicura di amare Nick, con tutti i suoi difetti e il suo modo di fare un po’ rude, a volte. Ma Jess aveva visto anche l’altro lato di Nick, quello dolce e romantico, a suo modo. Era un ottimo amico, lo aveva dimostrato più di una volta, e nonostante tutto con lei era stato un ottimo ragazzo.
Sapeva di amare Nick, l’unico uomo che forse, a parte suo padre, aveva amato davvero. Anzi, Jess osava quasi pensare che sapeva dell’esistenza dell’amore, quello vero, proprio perché aveva conosciuto Nick.

Annunci