Cardiac love (14° capitolo)

gDdU2uQ

Capitolo 14
Il momento dell’imbarazzo

 

L’universo mi mette in imbarazzo e non posso pensare che questo orologio non abbia il suo orologiaio.
(Voltaire)

Nei giorni successivi al bacio, Barry e Caitlin si evitarono in tutti i modi. Questo per loro era strano, perché in fondo, da quando si erano conosciuti, erano sempre stati molto uniti. Ora però non riuscivano a guardarsi senza morire dall’imbarazzo.

Caitlin davvero non sapeva cosa l’avesse spinta a baciare Barry, giù nell’archivio. Con lei il ragazzo era stato davvero un buon amico, ma non aveva mai pensato che potesse essere qualcosa di più, nonostante Patty le dicesse spesso che sarebbero stati bene insieme. Ma per Caitlin era ancora troppo presto. Ronnie era morto da pochi mesi, e lei era anche incinta del suo ex fidanzato. Non si sentiva ancora pronta, forse, a mettersi di nuovo in gioco in una relazione. Ma doveva ammettere che Barry sarebbe stato il ragazzo giusto: era in sintonia con lui, e inoltre era un ragazzo molto dolce e gentile, che le era stato accanto in un momento difficile, senza giudicarla mai. Ma Caitlin ancora non sapeva davvero come comportarsi.
Secondo Patty, che quando aveva saputo del bacio aveva esultato come una fangirl impazzita, il suo rapporto con Barry sfiorava senza problemi il limite tra amicizia e amore. Caitlin doveva solo convincersi.
In compenso la dottoressa aveva preso la sua decisione riguardo i coniugi Rook: avrebbe dato loro suo figlio, ma aveva preferito rinunciare all’adozione aperta. Credeva che fosse troppo doloroso per lei e per il bambino, che aveva il diritto di crescere in serenità senza la sua ombra. La signora Rook sarebbe stata un’ottima madre, anche senza la presenza di Caitlin. La ragazza aveva già contattato l’assistente sociale, che si era mostrata dispiaciuta ma non sorpresa, e le aveva comunicato la sua decisione. Non poteva dire di non soffrirne, ma sarebbe stato meglio così.

Anche Barry, dopo il bacio con la ragazza, cercava di evitare Caitlin in tutti i modi. Non sapeva cosa gli fosse preso, il suo comportamento era stato egoistico. Sapeva cosa stesse passando la dottoressa, e non era stato giusto fiondarsi sulle sue labbra. Non poteva negare di aver sempre avuto una piccola attrazione per lei, in fondo era una ragazza molto dolce e simpatica, oltre che indubbiamente carina, ma questo non lo giustificava.
Ne aveva parlato con Iris, e la ragazza lo stava spingendo a parlarne con Caitlin. Era evidente che fossero attratti l’una dall’altro, e Iris proprio non capiva perché si evitassero dopo il bacio.
Barry, in compenso, si era tolto dalla testa Iris. O meglio, aveva capito definitivamente che quello che pensava fosse amore era in realtà solo un forte affetto.
Inoltre, era era riuscito ad andare avanti con le indagini sulla morte di sua madre. Da quello che aveva trovato sui documenti ritrovati con Caitlin, nel periodo in cui sua madre era ricoverata, era emerso che molti pazienti in fin di vita erano morti con strani sintomi. Neanche a dirlo, il medico che si occupava di loro era il dottor Eiling.
Barry ovviamente aveva delle conoscenze mediche, e i sintomi che avevano ucciso quei pazienti erano riconducibili ad avvelenamento da radiazioni. Non sapeva cosa ci fosse sotto, ma trovava estremamente sospetto il fatto che nessuno si fosse accorto di niente. Ne aveva parlato con Iris, e anche lei trovava che ci fosse qualcosa di strano.

Era da molto che in reparto non c’erano emergenze. Era sicuramente strano, ma non per questo medici e infermieri non ne erano felici. Curare le persone era il loro lavoro, ma ogni persona che svolgesse il loro mestiere sarebbe stata felice di non vedere ogni giorno pazienti che rischiavano la vita.
Un giorno, però, arrivò dal pronto soccorso un uomo in condizioni davvero critiche: era stato ferito da una sega elettrica, che gli aveva provocato un grave taglio sul braccio. Andava subito operato, o rischiava il dissanguamento.
Wells chiamò a raccolta Caitlin e Patty, e si fece aiutare anche da Barry e Snart. L’intervento andò a buon fine, anche se fu molto lungo. Palese però era l’imbarazzo tra Caitlin e Barry, che non appena l’intervento terminò, sgusciarono via dalla sala operatoria per ritornare alle proprie occupazioni.
Wells ne rimase stupito. Non badava molto alle vite personali dei suoi colleghi, ma l’imbarazzo tra i due giovani era talmente evidente che non poteva non esserne curioso. Per questo, fermò Patty, prima che la ragazza si allontanasse dalla sala operatoria.
– Dottoressa Spivot? – la chiamò.
– Sì? – disse lei, piuttosto curiosa.
– Cos’è successo tra la dottoressa Snow e Allen? –
– Ehm… non saprei, dottor Wells. Sono molto amici, probabilmente c’è stata una semplice incomprensione. – buttò là Patty, inventandosi una scusa. Non voleva mettere nei guai i due amici, sapendo cosa ne pensava Wells delle relazioni sul posto di lavoro.
– Mi auguro che sia solo questo, non vorrei che ci fosse qualcosa di più di un’amicizia. – ribadì l’uomo.
– Certamente, dottor Wells. –
– Torni pure al lavoro, dottoressa Spivot. –

Patty si allontanò, permettendosi poi di tirare un sospiro di sollievo. Decise però di fare qualcosa, non poteva più vedere Caitlin e Barry girarsi intorno senza fare nulla. L’unica persona che poteva davvero aiutarla era Iris. Non conosceva molto la ragazza, ma sapeva che era la migliore amica di Barry, perciò di sicuro avrebbe saputo come comportarsi.
Approfittò del momento di confusione che seguiva sempre un intervento come quello che avevano appena fatto per uscire dal reparto senza farsi notare e raggiungere cardiologia, dove lavorava Iris. Sperava sinceramente che fosse di turno.
Arrivata in reparto, la ragazza si diresse verso l’infermieria. Di sicuro gli infermieri sapevano qualcosa.
– Scusatemi, c’è la dottoressa West? – domandò, a un paio di infermiere che stavano controllando alcune cartelle cliniche.
– Sì, sta visitando un paziente, è nel suo ambulatorio. – le risposero.
– Perfetto, grazie. – e così dicendo, Patty andò a passo svelto verso l’ambulatorio dell’altra ragazza.
In effetti, la porta dell’ambulatorio era chiusa, e Patty sentiva dellle voci provenire dall’interno. Non era professionale interrompere una visita, soprattutto consideratane la natura, perciò si limitò ad aspettare che finisse.
Fortunatamente per lei, la visita non durò molto, e Iris congedò presto il paziente, prima di accorgersi che Patty la aspettava accanto alla porta.
– Oh, Patty, non ti aspettavo! –
– Perché è stata un’improvvisata infatti. – replicò l’altra, con un sorriso. – Sei libera? Dovrei parlarti di una cosa. –
– Certamente, entra pure. – rispose Iris, facendosi da parte per farla entrare. La cardiologa chiuse l’ufficio e le due si accomodarono.
– Allora, cosa volevi dirmi? –
– Ho bisogno del tuo aiuto per fare in modo che Caitlin e Barry ricomincino a parlare. Credo siano perfetti l’una per l’altro, ma da quando si sono baciati si sono allontanati, piuttosto che il contrario. – spiegò, tutto d’un fiato.
Iris sembrò essere sollevata. – FInalmente qualcuno che lo dice! Voglio bene a Barry, come ad un fratello, ma non capisco proprio perché si sta comportando così. E’ evidente che Caitlin gli piaccia. –
– Ed è così, ma appunto per questo credo che non voglia osare. Non sai tutta la storia, ma Caitlin sta uscendo davvero da un brutto periodo, e Barry le è stato davvero vicino. Credo che non voglia ferirla. –
– E’ un comportamento tipico di Barry. – sospirò Iris. – Io non conosco bene Caitlin, e non voglio fingere il contrario, però credo che le faccia bene ricominciare con qualcuno, e da quanto ho visto lei e Barry hanno una bella chimica. –
– Infatti. Non so se alla fine si metteranno insieme o no (anche se ho un forte sospetto per il sì), ma credo che almeno dobbiamo fare in modo che si parlino. –
– Concordo, e forse già ho una mezza idea. – mormorò Iris, con aria pensierosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...