9788882466114_0_0_310_80

Proprio ieri ho finito di leggere Molto forte, incredibilmente vicino dell’autore statunitense Jonathan Safran Foer.

Il romanzo, da cui è stato tratto un film, vede come protagonista il giovane Oskar, che dopo aver perso il padre negli attentati dell’11 settembre, trova nel ripostiglio dell’uomo una chiave con su scritto “Black”. Il ragazzino allora gira per la città, cercando il Black a cui appartiene la chiave, per cercare un possibile collegamento con il padre. Nel contempo, viene raccontata la storia dei nonni di Oskar: la nonna era emigrata dalla Germania a seguito della Seconda guerra mondiale, e, arrivata negli Stati Uniti, riconosce Thomas Schell, ex fidanzato della sorella della donna. I due si sposano, ma quando lei annuncia la gravidanza, l’uomo scappa, per ritornare alla porta della moglie dopo aver letto il nome del figlio fra le vittime dell’11 settembre.

Personalmente, ho trovato il libro carino, e mi sono piaciute le somiglianze che intercorrono fra nonno e nipote, benché i due non si conoscano fino alla fine, ma forse il romanzo non mi ha trasmesso quanto avrebbe dovuto. Non sono riuscita ad entrare in pieno nello spirito delle vicende, anche se mi è piaciuto accompagnare, in qualche modo, il giovane Oskar nel suo viaggio alla ricerca del padre deceduto.

In ogni caso mi sento di consigliarvelo, magari a voi trasmetterà più emozioni di quanto abbia fatto con me.

Gaia

Annunci